il tuo team di network marketing

Come motivare il tuo team di Network Marketing

Hai difficoltà a motivare il tuo team di Network Marketing a farlo agire?

Ti senti come se fossi l’unico del tuo team che tratta l’attività come un business professionale?

Finchè non imparerai come impostare aspettative professionali con i tuoi compagni di squadra, l’attività sarà trattata in modo dilettantistico generando scarsi risultati e frustrazione.

È importante chiarire sin dall’inizio che nel Network marketing non stai impiegando persone in un lavoro dipendente. Tu non sei il loro capo o datore di lavoro.

Possono lavorare duramente quanto vogliono o il meno possibile. La scelta è loro. Tu non sei la balia del tuo team.

Il tuo compito è portare i membri del tuo team di Network Marketing a diventare i capi di loro stessi e networker professionisti.

Per questo motivo, quando qualcuno nuovo arriva nella mia squadra, gli chiedo subito quali sono i suoi obiettivi e quanto è serio riguardo a questi.

Nonostante la serietà e l’intenzione a lavorare professionalmente, ci saranno comunque momenti di demotivazione durante il percorso.

Per i momenti difficili dell’attività, chiederò loro:

“Come vuoi che ti aiuti in quei momenti difficili?” “Ti contatto per motivarti?” “Ti lascio da solo?” “Cosa vorresti che facessi?”

Questa domanda ti fornirà non solo informazioni su come puoi aiutarli, ma ti darà anche il permesso di essere un pò severo con loro se necessario.

Ma passiamo al nodo cruciale dell’argomento motivazione.

L’unico che controlla il tuo risultato sei tu!

Ispira la tua squadra diventando l’ispirazione. Devi mostrare loro ciò che è possibile e aprire la strada.

L’unico modo per farlo è quello di essere tu il primo a raggiungere i tuoi obiettivi.

La motivazione si attiva con il tuo esempio. Il tuo Team deve avere conferma, attraverso i tuoi risultati, che gli obiettivi sono raggiungibili.

Devi insegnare mostrando cosa fare più che dicendo cosa fare.

Motivazione attraverso la paura.

Trova una paura che hai. Qual è la cosa peggiore che accadrà se il tuo business non funzionerà? Ti spaventa abbastanza da passare all’azione massiccia?

Ad esempio, non riuscirai a far il tuo viaggio dei sogni, non potrai sposarti, non riuscirai a far studiare adeguatamente i tuoi figli, non riuscirai a pagare il mutuo di casa, ecc……..

Personalmente, preferisco motivarmi rivolgendo la mia attenzione verso un desiderio più che per evitare la paura. Ma ognuno ha il suo metodo.

Il principio di Pareto.

Una cosa che devi ricordare come leader di una squadra è il “Principio di Pareto” più conosciuto come la regola 80/20.

Questo principio afferma che l’80% del tuo reddito sarà generato dal 20% del tuo team di Network Marketing.

Ciò significa che l’80% del tuo reddito arriverà dal 20% dei tuoi sforzi di squadra.

Il tuo obiettivo nel network marketing è far crescere le persone all’interno di questo 20% in modo che diano buoni risultai per un lungo e consistente periodo di tempo.

Questo ti fa capire che è inutile cercare di resuscitare i morti continuando a motivare l’80% che non è pronto per crescere.

Poiché i tempi e le circostanze possono essere diversi per tutti, non si deve però ignorare completamente questo 80%.

L’80% nel Network Marketing è importante perché, come i buoni risultai per un lungo e consistente periodo di tempo, anche il piccolo sforzo per un lungo periodo di tempo contribuisce al volume e alle vendite del tuo team.

Fai gli incentivi.

Gli incentivi sono un ottimo modo per tenere in azione il tuo Team di Network Marketing.

Se non stai già facendo incentivi di squadra, ti consiglio di iniziare perché funzionano davvero bene.

Una lotteria mensile con un premio a chi raggiunge determinati obiettivi è un incredibile stimolo a darsi da fare.

Premiare chi merita renderà il tuo Team di Network Marketing coeso e sempre sul pezzo!

Se ti è piaciuto questo articolo ti invito a lasciarmi un commento.

Riceverai tutte le informazioni per collaborare con uno dei più grandi Team di Network Marketing in Italia.

Facebook Comments

Leave a Reply